abc-transports.net




Alternative Medicines






Home
News
Earth
News
Air
News
Sea


Home » News » banks - finance » Gestioni in Fondi

Gestioni in Fondi

FINANZA INFORMAZIONI -  FINANCE INFORMATION

?estioni in fondi: non c? trasparenza?/FONT>

Duro atto d?ccusa di Alberto Fo?il gestore di Anima, contro il modo di operare delle Gpf
?e grandi banche prelevano una commissione per un servizio che in realt?on svolgono?/FONT>

MILANO ?Le gestioni patrimoniali in fondi (le Gpf) offerte ai risparmiatori dalle grandi banche e dalle Societ?i gestione da esse controllate sono, nella maggior parte dei casi, poco trasparenti e promettono un servi­zio che non mantengono. Alberto Fo?amministratore delegato dei fondi Anima, del Banco di Desio e della Brianza, lancia un altro sasso nelle acque apparentemente tranquille del risparmio gestito.  
Il primo l?veva scagliato in estate affermando, in un?ntervista al ?ole 24-Ore? che molti dei fondi azionari italiani sono gestiti in modo ?ndicizzato?pur avendo gli stessi costi elevati per la gestione ?ttiva?
La polemica mont?n ventiquatr?re  e divise per oltre un mese  gli operatori tra contrari e favorevoli. Ora Fo?orna a parlare del sistema fondi prendendo di mira questa volta, le Gpf.
Per quale motivo ? ?erch?bsp; le grandi Banche  risponde - inseriscono nelle gestioni in fondi solo i loro prodotti: piuttosto che selezionare i fondi sul mercato, assemblano nella Gef i prodotti della casa che il Risparmiatore potrebbe acquistare allo sportello, caricando di fatto su di essi una duplice commissione?
Con questa tecnica, il risparmiatore si trova di fatto a pagare due livelli di costo: uno per la  gestione della Gpf e un altro, indiretto, per la gestione dei fondi di gestione inseriti nella Gpf. Il primo che  serve a remunerare la banca per che il servizio di selezione dei diversi fondi sul mercato. ?per?ngiustificato se la banca, come succede, inserisce nelle Gpf solo fondi di sua produzione.
Diverso ?l comportamento  dei piccoli istituti di credito e loro delle societ?i gestione indipendenti: non disponendo di prodotti propri o disponendone in modo per limitato essi sono portati a svolgere un servizio di selezione effettivo, mettendo a confronto fondi gestiti da varie societ?n modo da rispettare il mandato del cliente. "on ?n discussione l?mportanza delle Gpf.

Esse sono nate dice Fo?SMALL> per rispondere a una precisa esigenza del risparmiatore che, col proliferare dei fondi e il differenziarsi degli stili di gestione, ha avuto bisogno di strumenti che guidassero tra i differenti, prodotti nella scelta di quelli pi?donei al suo profilo di rischio.
Decine di migliaia  di piccoli  investitori si  sono cos?rientati verso queste forme di gestioni perch?p?avano che fossero il  veicolo pi?emplice per ripartire un certo capitale su pi?ondi selezionati da un professionista, che potessero soddisfare gli le loro attese di rendimento e la loro propensione al rischio.
?n realt?sostiene Fo? per la banca la Gpf ?iventato il modo per offrire un servizio di gestione patrimoniale alle fasce basse della clientela, che   costi poco, renda molto e dia la sensazione al risparmiatore di essere pi?eguito? 
Ma ?n?llusione, perch?er correre incontro a questa necessit?SMALL> le grandi banche non trovano di meglio che vendere al pubblico i loro stessi fondi come se fossero gli unici e per giunta i migliori: una conferma del fatto che le societ?i gestione del risparmio e i grandi istituti che ne indirizzano le strategie puntano a non farsi concorrenza sul prodotto.
Secondo Fo?in pratica, si ?atto leva su un bisogno reale del piccolo investitore per offrirgli un servizio di scarso  valore aggiunto, vantaggioso soprattutto per la banca, che con questo doppio livello di commissioni riesce ad aumentare la profittabilit?ella massa amministrata. ?uccede cos? aggiunge Fo? che un risparmiatore vada a sottoscrivere una Gpf azionaria pagando una commissione, senza sapere che quella Gpf tender? riflettere la composizione dell?ndice Morgan Stan­ley e ad avere un grado di originalit?ssai scarso. 
L?nere commissionale risulta pi?ngiustificato nel caso di una Gpf obbligazionaria, perch?i si costruisce e un prodotto che il risparmiatore i potrebbe acquistare da?s?allo sportello, a un prezzo notevolmente inferiore, con l?iuto di un dipendente ben addestrato? 
Fo?onclude con una calda raccomandazione ai sottoscrittori di gestioni in fondi: ?orrei che cominciassero a confrontarne la performance annua con quella del fondo della banca, obbligazionario o azionario, che pi?i avvicina alla composizione della Gpf.  Magari scoprirebbe che la Gpf avr?eso meno dei singoli prodotti che la compongono? 
Un esercizio elementare, che per?otrebbe aprire la mente di mol­te famiglie.

Giuseppe Oddo - da: IL SOLE-24 ORE




We are not responsible of the correctness and of the solvency of the advertisers of our network. Because of the mutable circumstances and of the complex nature of the information within the logistic and the transport the Publisher of the Portal, will not be responsible for all actions undertaken form the readers, regarding the furnished information and for the updating of the data furnished by the single advertisers.


Webmaster - Copyright © 1998, concessionaire: I.P. ELMORIANA LTD - All rights reserved